Salta al contenuto principale

Cagnulari

L'introduzione delle Uve Cagnulari in Sardegna è avvolta nel mistero con teorie discordanti che affermano che questa sia avvenuta ad opera dei Francesi nell'800 oppure durante la dominazione Spagnola del 600.

Questa Uva a bacca rossa è tradizionalmente coltivato con l’antico metodo dell’alberello sulle colline di composizione calcareo-argillosa delle zone limitrofe di Alghero e Sassari e da vita al Vino Cagnulari. Questo Vino della Sardegna presenta caratterische simili al Bovale e sembrerebbe avere delle somiglianze genetiche con il mourvedre, coltivato nel sud della Francia, conosciuto in Spagna con il nome di monastrell.

Il cagnulari si è salvato dall’estinzione solo grazie alla tenacia di una decina di piccoli produttori, che hanno creduto nel vitigno. Si è preservata così un’importante biodiversità. A promuovere questo interessante vitigno autoctono provvede anche la Confraternita del Cagnulari, con numerosi eventi che si susseguono durante tutto l’arco dell’anno.

Il Cagnulari deve avere un Grado alcolico minimo dell'11%. Per le versioni più fragranti e di consumo immediato, il cagnulari viene affinato in acciaio, ma la maturazione in legno sta dando ottimi risultati per i vini destinati all’invecchiamento.

Di seguito le caratteristiche di questo Vino tipico della Sardegna.

Colore

Dal rosso rubino carico al rosso granato.

Aroma

Il profumo è molto caratteristico e spazia dal fruttato intenso (frutta rossa) in gioventù, allo speziato (pepe nero), all’erbaceo (muschio), alla confettura di prugne, raggiungendo una grande ampiezza nei casi di vini invecchiati, il tutto avvolto da suadenti e delicate note balsamiche. 

Gusto

Al gusto si rivela solitamente secco, caldo, di buona struttura, con tannini morbidi e una piacevole freschezza, che lo rendono molto armonioso. Il finale è sapido e persistente

Abbinamenti

Intenso, caldo e delicatamente morbido, il Cagnulari si esprime al meglio in combinazione con i piatti della cucina sarda quali lumache in umido, pasta al sugo di carne, capretto arrosto e pecorini stagionati.

Iscriviti a Cagnulari